Lo stemma
 
Il nome e l'origine
 
Il territorio
 
 
Il patrimonio architettonico
 
La società civile
 
Le parrocchie
 
    Le associazioni
  • Misericordia
  • MA-SI-SE
  • Sub Sinnai
  • Pro Loco
  • I.S.O.L.A.
  • Calendario manifestazioni
     
    Home

    LA MOSTRA DEL
    DOLCE SINNAESE
    23 - 29 -SETTEMBRE 2003



    Esposizione di dolci  In occasione della festa dedicata ai Ss. Cosma e Damiano - che si svolge tutti gli anni nella seconda metà di settembre - l'Opera Catechistica organizza, con l'aiuto delle numerose altre realtà presenti nella parrocchia di S.ta Barbara, la Mostra - mercato del dolce sinnaese.
      L'iniziativa, nata nel 1987, ha mantenuto inalterato l'originario scopo di beneficenza, devolvendo ogni anno l'intero incasso alle molteplici necessità della parrocchia; ha mutato invece, annualmente, il tema culturale che accompagna ogni edizione, proponendo al pubblico - accanto ai dolci locali - elementi, simboli e frammenti delle più significative tradizioni sinnaesi e dell'intera isola.
      La Mostra del dolce è ospitata nei locali del salone parrocchiale (attigui alla Chiesa di S.ta Barbara), sulla piazza principale del paese. Offre ai visitatori una panoramica della ricca varietà dei dolci di produzione locale: una festa di profumi, sapori e colori la cui magia è in tutto simile all'incanto della fioritura primaverile.
      Questi piccoli capolavori d'arte gastronomica sono stati capaci di tramandare immutata, fino al 2003, la "cultura del dolce" sinnaese, espressione di un'arcaica ritualità che scandiva il ciclo della vita di ognuno, sottolineandone le circostanze più importanti, sia individuali (come la nascita o il matrimonio) che collettive (come le ricorrenze pasquali o natalizie).
    Is Candelaus

    Lavorazione artistica de Is Candelaus
      La maggior parte dei dolci sinnaesi ha come ingrediente fondamentale le mandorle, che vengono lavorate in vario modo, impastate con altri ingredienti (zucchero, uova, farina) ed aromatizzate con acqua di fiori di arancio: nascono così i deliziosi "candelaus" (dalla tipica foggia a "piccioneddas" o a "cestineddas", impreziositi dalle decorazioni dorate, dette "indoru"), i "guefus", i "marigosus", le "caschettas", i "bianchinus", i "ziddinis", i raffinati "pastissus" ed i più noti "amarettus", per non citarne che alcuni.
      Altri dolci, invece, hanno come ingrediente principale il formaggio (o la ricotta), come le "pardulas", oppure la "sapa" (mosto cotto), come le "costeddeddas", il "pani de sapa" e le "papassinas".
      Ce n'è davvero per tutti i gusti: provare per credere!
    Lavorazione artistica de Su Gatteaux  Insomma, se l'iniziativa è organizzata dall'Opera Catechistica, insieme a tutte le realtà di buona volontà della parrocchia di S.ta Barbara, se il suo incasso viene devoluto in beneficenza, ergo: in questo caso non mangiare i dolci sarebbe proprio un "peccato"!




    DICIASSETTESIMA MOSTRA
    DEL DOLCE SINNAESE

        In occasione della festa dedicata ai Ss. Cosma e Damiano - che si svolge tutti gli anni nella seconda metà di settembre - la Parrocchia di Santa Barbara organizza, con l'aiuto delle numerose realtà ivi presenti ed operanti, la "Mostra-mercato del dolce sinnaese".
        L'iniziativa - nata nel 1987 - ha serbato sempre, inalterato, lo scopo benefico per cui è nata, devolvendo regolarmente l'intero incasso alle numerose necessità della Parrocchia.
        Quanto al tema culturale che, annualmente, ha accompagnato ogni edizione, proponendo al pubblico - accanto ai dolci locali - elementi, simboli e frammenti delle più significative tradizioni sinnaesi e dell'intera isola, quest'anno - per evidenti motivi logistici - non verrà proposto: si rinvia all'anno prossimo, una volta ultimato il restauro della chiesa.
        La "Mostra del dolce - edizione 2003" sarà ospitata nei locali dell'ex Oratorio (attigui alla chiesa di Santa Barbara ed al salone), sulla piazza principale del paese. Offrirà ai visitatori la consueta panoramica della ricchezza e varietà dei dolci di produzione locale: una festa di profumi, sapori e colori la cui percezione, per lo spettatore, non differisce dall'incanto della fioritura primaverile.





    Torna all'inizio